Prepare for the best #Blackfriday ever

Prepare for the best #Blackfriday ever

The countdown has started, but there’s still time to optimize your 2019 Black Friday ecommerce sales strategy.

We’re expecting another record-breaking year for holiday ecommerce sales.

“Modern shoppers tend to prefer online shopping, and while the deals themselves might not be quite as good on Cyber Monday as on Black Friday, the former tends to drive more actual revenue for sellers”

Are your team and website ready for the boost in traffic and transactions on all these upcoming dates?

To help you refine your plan, we’ve identified some Black Friday ecommerce tips to save you time and convert more customers:

“You can’t go into Black Friday and put 15% off, 20% off and expect to do well. Everything comes down to your offer—it’s the one time out of the year you can lower your prices without feeling like you’re losing brand integrity”

“The challenge for retailers is that as sales start earlier and earlier, it puts increased pressure on them to deliver the discounts they have trained their customers to expect”

Go all-in on VIP customers

Don’t be afraid to go even bigger with discounts and offers to your best customers.

Your discount strategy should also be part of an overall master plan leading up to Black Friday.

Create a master plan for Black November

Many retailers begin promoting their sales a month or so before Black Friday. So, you’ll need to pace your promotions throughout what is now referred to as “Black November”.

• A Black Friday buzz-building campaign that includes a countdown, deals, and specials using ads, email, and social leading up to the event.

• Sneak peeks on door crashers and other amazing sales that will go live during the weeks leading up to and on Black Friday

• A coordinated promotional strategy across all online channels—websites, emails, and social—to maximize sales on the day of your sales

• An influencer and micro-influencer engagement strategy to boost word of mouth about special offers

• Post-Cyber Monday deals (e.g., extended sale offers) for last-minute shoppers emphasizing shipping dates and gift wrapping throughout December

• Buy traffic early (before costs begin to soar) to build social audiences

• Remain top of mind by remarketing frequently

• Narrow your AdWords ads to high purchase intent keywords, like “buy [blank product]” or “best deal on [blank product]”

Additionally, consider how to capitalize on your growing social audience as part of your integrated Black November plan.

Build anticipation through social media

Leading up to Black Friday and Cyber Monday, you can make an emotional connection with customers using inspiring imagery and highlighting positive testimonials on social platforms. 

Ten days away from Black Friday, Blenders shared an Instagram giveaway. Two days before the giveaway, they built hype around “the biggest Black Friday Sale. EVER.” using #blackfriday.

If you need bulk merchandise or any other kind of advice into running a successful black friday, connect with the team of NKOB.it today

Click here 😀

Budgeting in the post Covid era

The financial-planning process for 2021 presents an opportunity to turn hard-earned lessons from the COVID-19 pandemic into an enduring exercise in linking strategy to value.

Scenario and assumptions

When kicking off the 2021 budgeting process, CFOs will need to revisit and pressure-test the scenarios, assumptions, and decisions that were made (or not) during the COVID-19 crisis. That review is critical, as different parts of the organization will have similar questions related to crisis response and recovery. Everyone will need to be on the same page. Teams in sales and marketing, for instance, must have a common understanding of when the economic return and the next normal officially start—and therefore how to budget for travel and expenses.

Finance teams will need to determine which of the economic scenarios they projected actually materialized and then systematically examine how various strategic initiatives launched during the crisis have affected corporate performance (in revenue, pricing, sales volume, and competition). Consider the case of a vertically integrated retailer. When its brick-and-mortar stores needed to close in April 2020 as a result of COVID-19, the retailer quickly invested in an e-commerce platform and a logistics partnership to facilitate sales.

Reimagine the business from a zero base

Traditionally, business leaders have balked at using zero-based budgeting as a means to understand the critical drivers of a business. The approach—in which expenses must be justified for each budget period—is too arduous, they have argued, involves too much micromanagement, and poses countless other challenges.

Many of those objections evaporated, however, in the wake of the COVID-19 crisis—probably because business leaders no longer faced the base decision about whether to shift spending but rather the more urgent choice of how much and where. For example, a mining company now force-ranks large capital- expenditure projects along a spectrum of potential

returns and risks, while a major hospital chain has reallocated conference and travel budgets toward telemedicine and work-from-home capabilities.

Hold back some spending centrally

In most companies, budgets are typically fixed for the year, but in response to the COVID-19 crisis, many businesses have had to be more flexible, confidently shifting resources as needed to survive. To monitor the situation in real time, for instance, they have deployed spending control towers, cash war rooms, and dashboards. And they are using different kinds of key performance indicators (KPIs), such as the cash-burn rates of suppliers and distributors and the growth rate of COVID-19 cases.

Fondo di garanzia INPS per il pagamento del TFR in luogo dei datori di lavoro insolventi ( o in alcuni casi emeriti truffatori)

Il Fondo di garanzia INPS per il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) è stato istituito presso per il pagamento del TFR in sostituzione del datore di lavoro insolvente.

Il lavoratore può decidere di accantonare la sua quota di TFR maturata mensilmente in azienda o in un fondo pensione; nel primo caso sarà onere del datore di lavoro accantonare ogni rateo di maturazione per erogarlo poi successivamente ( sempre che non abbia usato quei fondi per altri scopi )alla cessazione del rapporto di lavoro. Una delle preoccupazioni in questi casi però è che le cose in azienda non vadano molto bene e il datore di lavoro non sia effettivamente in grado di erogare il TFR a fine rapporto.

Cosa succede quindi se il datore di lavoro dovesse essere insolvente e come si tutela il lavoratore rispetto al suo TFR? È una domanda di non poco conto, considerando che a tutti gli effetti il trattamento di fine rapporto è un diritto del lavoratore e matura proprio in costanza del suo lavoro. Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Insolvenza del datore di lavoro: cosa significa

Con stato di insolvenza si intende una situazione in cui sia innanzitutto chiesto l’apertura di un procedimento concorsuale riguardante il patrimonio del datore di lavoro insolvente al fine di soddisfare i suoi creditori, come appunto i lavoratori in attesa di ricevere il loro TFR. Questo procedimento viene avvallato dalla chiusura definitiva dell’impresa.

I casi in cui ricorre l’insolvenza del datore di lavoro possono essere il fallimento, il concordato preventivo, la liquidazione coatta amministrativa, l’amministrazione straordinaria o controllata.

Nelle situazioni di crisi in cui il datore di lavoro è insolvente esiste effettivamente uno strumento di tutela, nato apposta per poter liquidare il trattamento di fine rapporto ma anche alcuni crediti di lavoro diversi dal TFR.

Questo mezzo di tutela è il fondo di garanzia.

Fondo di garanzia INPS: cos’è e come funziona

Il fondo di garanzia INPS interessa tutti i lavoratori dipendenti assunti da datori di lavoro che sono tenuti al versamento del contributo che alimenta la gestione del fondo, senza distinzione di qualifica di assunzione.

Avendo lo scopo di garanzia, questa opera senza distinzione della causa che ha determinato la cessazione del rapporto di lavoro; quindi tutela allo stesso modo per dimissioni o licenziamento ed anche per scadenza naturale del contratto a tempo determinato.

Il fondo di garanzia si pone quindi in sostituzione del datore di lavoro nell’erogazione di alcuni trattamenti economici che appunto questo non riesce a sostenere.

TFR ed altri crediti di fine rapporto

Come detto in premessa, il TFR è l’elemento chiave dell’intervento del fondo di garanzia INPS.

Gli altri crediti del lavoratore che possono essere oggetto dell’intervento del fondo di garanzia sono quelli riguardanti gli ultimi tre mesi del rapporto di lavoro purché rientrino nei 12 mesi precedenti la data del provvedimento che determina l’apertura della procedura che determina l’insolvenza.

In questo caso il credito è determinato dalla retribuzione maturata nell’ultimo trimestre, inclusi i ratei delle mensilità supplementari con l’esclusione di quanto riguarda indennità di mancato preavviso, ratei non goduti e quanto avrebbe dovuto anticipare il datore di lavoro per conto dell’INPS.

L’ulteriore requisito è legato al rapporto di lavoro che ovviamente deve essere cessato tra le parti e l’effettiva sussistenza di crediti da riscuotere.

Chi può accedere al Fondo di Garanzia INPS

Possono accedere all’intervento del Fondo di garanzia INPS tutti i lavoratori dipendenti da datori di lavoro tenuti al versamento del contributo a questo Fondo, compresi gli apprendisti e i dirigenti di aziende industriali, che abbiano cessato un rapporto di lavoro subordinato.

Domanda al fondo di garanzia INPS

Per eccedere a questa speciale tutela il lavoratore deve effettuare una apposita domanda all’INPS; deve cioè chiedere l’intervento al Fondo di garanzia all’INPS di riferimento della sua residenza.

La domanda viene fatta utilizzando il modello Inps TFR/CL – SR50 che potrà essere inviato in modo telematico:

• direttamente dal lavoratore accedendo con le proprie credenziali al portale INPS,

• lo stesso può inoltre decidere di farsi assistere da un patronato o da un sindacato.

Decorsi 60 giorni dalla data di presentazione della domanda l’INPS deve liquidare i crediti spettanti al lavoratore.

Domanda al fondo di garanzia: entro quando

Gli ulteriori tempi che deve considerare il lavoratore sono quelli legati alla prescrizione.

Il diritto alla prestazione da parte del Fondo di garanzia INPS rispetto al TFR si prescrive in 5 anni dalla data della risoluzione del rapporto.

In tempi di crisi le imprese devono avere uno start-up mindset

Le crisi stimolano la creatività e il cambiamento, questo perché le aziende, per fronteggiare l’emergenza, sono costrette a ragionare sulle priorità. Una condizione tipica delle start-up, organizzazioni che hanno l’efficienza e la velocità nel loro dna: dispongono di risorse limitate, dunque sono abituate a ottimizzare per lavorare massimizzando risultati. L’emergenza che stiamo vivendo in Italia a causa del COVID-19 ha sicuramente obbligato tutte le aziende a ragionare come se fossero start-up. Ed è questa la soluzione che può permettere loro di uscire dalla crisi: il cambiamento. Forse questa digital transformation “obbligata” ci può aiutare ad apprezzare gli effetti positivi di nuovi assetti tecnologici e un nuovo approccio culturale, soprattutto nel lavoro.

In tempi di crisi le imprese devono avere uno start-up mindset.

Videoconferenze, selezione del personale, video in streaming, ma anche percorsi di apprendimento a distanza. In questa circostanza tutti stiamo apprezzando la tecnologia che ci permette di affrontare un’emergenza grave senza stravolgere le nostre vite. Almeno sotto l’aspetto professionale. Se da un lato a tutti sono stati richiesti sacrifici, come la rinuncia a molti contatti sociali, per rallentare quanto possibile la diffusione di una malattia con la quale probabilmente dovremo imparare a convivere per un po’, dall’altro abbiamo la possibilità di cogliere una nuova sfida per cambiare e migliorare il nostro approccio al lavoro.

I tools ci sono, ma quello che serve veramente è un cambio di paradigma che parte da un nuovo rapporto di fiducia tra impresa e dipendente che non valuti più la qualità del lavoro in base alle ore passata alla scrivania, bensì sui risultati raggiunti.

D’altra parte, in un ecosistema sempre più competitivo chi non sa cambiare è destinato a soccombere. La crisi di un virus che cresce in maniera esponenziale diventa quindi un’opportunità per stimolare la creatività e il cambiamento.

Retail Price Ladder

How to implement an effective price ladder

The key things to consider if you want to implement a price ladder are:

• What is the price range (minimum to maximum) that my ideal customer would expect to pay for this kind of item?

• Set the prices so the steps (the rungs of the ladder) are fairly equally spaced – try to ensure all your items deliver a consistent % gross margin

• Merchandise the product with the cheaper items to the left and with the more expensive to the right

• Make sure the product packaging / POS clearly demonstrates the additional value-adding attributes to the customer if this is not abundantly clear

To find out how well it can work for your business will require some level of trial and error. A good price ladder that is well merchandised will enable customers to up-sell themselves with no intervention from sales staff – what retailer could ask for more?!

What is the benefit of the price ladder?

If your retail business typically realises an average 60% gross margin then of course the higher up the ladder the customer goes, the more they spend, increasing both cash delivered margin and average transaction value (ATV).

What is a price ladder?

Retailers who understand their positioning should have prices that offer the target customers choice within their budget for products that meet their mission.